Bio


H.H. the 14th Dalai Lama and I, at his home in the village of Dharamsala (Himachal Pradesh – India)

Photographer = Traveler of Life

Travelling means research for me. A continuing research. Research as knowledge. Perhaps because I am from Genova, like Columbus, a great traveller whom I identify myself with. Like him, I haved sailed trough different sectors of my professional activity, utilising my camera as a sailboat, landing on different shores in our World, to know it better. I began my profession navigating in the stormy water of “REPORTAGE”; I crossed the turbulent and snobby sea of “FASHION”; I reached the calm and relaxing water of “STILL-LIFE” and I landed at last at the quiet and reflective shores of “PORTRAITURE”. There are existential reasons for this travelling. You may probably think that “private” life and “professional” life should be kept separate. I do not agree with this. But what has this got to do with my professional profile?  A lot! For example: by putting first the “professional” life, I would have done like many of my colleagues and for purely market considerations, I would have specialised in some category of photography: only Fashion, only Still-Life etc.  I did no choose this! Doing only Reportage, only Fashion, would have deadly bored me. Photography is an art. It cannot be considered as a common office job, where specialisation is often needed (like in bank, for example, where each employee has his specific task). My professional formula is a good mix of different categories of photography; it is the existential choice of living a wonderful life experience! Some example? Thanks to Reportage I travelled from the African savannah to the South American jungle and the immense space of North America; thanks to Fashion I met famous beautiful women; thanks to Still-Life I discovered marvellous objects, precious antiques, incredible furnishings, and all the interesting people belonging to the environment of arts & design. And now that I make many portraits of very important people I am particularly enthusiastic. Portraits of famous people from the business, political and cultural world. Maybe it is the most difficult type of photography, and it is very challenging! It is a continual research with myself. These people are not professional models and are not used to posing in front of the lens. It is much easier to photograph a beautiful girl with nice cloths in a nice situation; in this case I only have to underline the elegant appearance and lovingness. But a portraiture is something totally different. I have to extract and reproduce with my camera the features, the qualities that make the person famous, by choosing and catching his right expression, his most natural pose, the best situation and his very personal being. This characteristics often are not very evident at the first glance. Results and congratulations obtained are very encouraging and my research goes on.  Apart from practical results- which are very important – there is another gratifying aspect of doing Portrait: the direct contact with these people. There is a subtle game that clicks immediately between the “portraitist” and the “character”. I know I have to reach different targets, i.e. my work has to satisfy not only the subject, but also the Art Director on site and perhaps also the partner ! And this point should not be underestimated. Like an orchestra director, I have to make everybody understand that there are certain rules to be followed to reach a satisfying result: my rules ! Directring and imposing rules to personalities like Romiti, Agnelli, Mondadori, La Malfa, De Benedetti, Annie Leibovitz, Elton John, Miriam Makes, Ella Fitzgerald, Prince, request maximum attention and “savoir faire”.

Another great challenge in my wonderful eve changing job !

Graziano Villa


Fotografo = Viaggiatore della vita

Viaggiare significa per me ricerca. Una ricerca continua. Ricerca come conoscenza. Forse perché sono genovese, come Colombo, un grande viaggiatore in cui mi identifico. Come lui, ho navigato in diversi settori della mia attività professionale, utilizzando la mia macchina fotografica come un veliero, approdando su diverse sponde del nostro Mondo, per conoscerlo meglio. Ho iniziato la mia professione navigando nelle acque tempestose del “REPORTAGE”; ho attraversato il mare turbolento e snob della “MODA”; ho raggiunto le acque calme e rilassanti dello “STILL-LIFE” e sono approdato infine alle rive tranquille e riflessive del “RITRATTO”. Ci sono ragioni esistenziali per questo viaggio. Probabilmente penserete che la vita “privata” e la vita “professionale” debbano essere tenute separate. Non sono d’accordo. Ma cosa c’entra questo con il mio profilo professionale?  Molto! Per esempio: mettendo al primo posto la vita “professionale”, avrei fatto come molti miei colleghi e, per considerazioni puramente di mercato, mi sarei specializzato in qualche categoria di fotografia: solo Moda, solo Still-Life ecc.  Non ho scelto questo! Fare solo Reportage, solo Moda, mi avrebbe mortalmente annoiato. La fotografia è un’arte. Non può essere considerata come un comune lavoro d’ufficio, dove spesso è necessaria una specializzazione (come in banca, per esempio, dove ogni impiegato ha il suo compito specifico). La mia formula professionale è un buon mix di diverse categorie di fotografia; è la scelta esistenziale di vivere una meravigliosa esperienza di vita! Qualche esempio? Grazie al Reportage ho viaggiato dalla savana africana alla giungla sudamericana e all’immenso spazio del Nord America; grazie alla Moda ho conosciuto donne famose e bellissime; grazie allo Still-Life ho scoperto oggetti meravigliosi, preziosi pezzi d’antiquariato, incredibili arredi e tutte le persone interessanti appartenenti all’ambiente dell’arte e del design. E ora che faccio molti ritratti di persone molto importanti sono particolarmente entusiasta. Ritratti di personaggi famosi del mondo economico, politico e culturale. Forse è il tipo di fotografia più difficile, ed è molto stimolante! È una continua ricerca con me stesso. Queste persone non sono modelli professionisti e non sono abituati a posare davanti all’obiettivo. È molto più facile fotografare una bella ragazza con bei vestiti in una bella situazione; in questo caso devo solo sottolineare l’aspetto elegante e l’amorevolezza. Ma un ritratto è qualcosa di totalmente diverso. Devo estrarre e riprodurre con la mia macchina fotografica le caratteristiche, le qualità che rendono famosa la persona, scegliendo e cogliendo la sua giusta espressione, la sua posa più naturale, la situazione migliore e il suo essere molto personale. Queste caratteristiche spesso non sono molto evidenti al primo sguardo. I risultati e i complimenti ottenuti sono molto incoraggianti e la mia ricerca continua.  Oltre ai risultati pratici – che sono molto importanti – c’è un altro aspetto gratificante nel fare il Ritratto: il contatto diretto con queste persone. C’è un gioco sottile che scatta immediatamente tra il “ritrattista” e il “personaggio”. So di dover raggiungere obiettivi diversi, cioè il mio lavoro deve soddisfare non solo il soggetto, ma anche l’Art Director in loco e magari anche il partner ! E questo punto non va sottovalutato. Come un direttore d’orchestra, devo far capire a tutti che ci sono delle regole da seguire per raggiungere un risultato soddisfacente: le mie regole! Dirigere e imporre regole a personaggi come Romiti, Agnelli, Mondadori, La Malfa, De Benedetti, Annie Leibovitz, Elton John, Miriam Makes, Ella Fitzgerald, Prince, richiede massima attenzione e “savoir faire”.

Un’altra grande sfida nel mio meraviglioso lavoro che cambia ogni giorno!

Graziano Villa


  • A beautiful gift from H.H. the 14th Dalai Lama, a pennant with his wonderful text, when I went to his home in the village of Dharamsala (Himachal Pradesh – India) :
  • Un bellissimo regalo che mi ha fatto S.S. il XIV Dalai Lama, un gagliardetto con un suo testo meraviglioso, quando sono andato a casa sua nel villaggio di Dharamsala (Himachal Pradesh – India)  :

H.H. the 14th Dalai Lama and I, at his home in the village of Dharamsala (Himachal Pradesh – India)


 

MOSTRA ANTOLOGICA- E_MOTIONS_by FFF_INTERVISTA HD_480p_2_1

https://youtu.be/H5xDkWJVnBE  = Interview by FRANCESCA FELLINI – Niece of FEDERICO FELLINI – about “E_MOTIONS” exhibition

https://www.youtube.com/watch?v=8FXdAL3nm48  = Interview by TG-4 – Mediaset

http://youtu.be/h3BNbFF0xYg = Showreeel

http://youtu.be/kZXWuTOMIhs = Portraits Portfolio

https://youtu.be/lP8rwY9e3Uc = “ESPRIT de CHAMPAGNE” multivision

https://youtu.be/Z7Ds3LeMaGc = MY PARIS Multivision

– https://youtu.be/Ug67cf6IG6o = MOROCCO Multivision

http://youtu.be/T1G8RQAVXr4 = NORWAY Multivision

http://youtu.be/gLnsi5K6v2I = SWEDEN Multivision

http://youtu.be/rZS6UoWUMrI = VENICE CARNIVAL Multivision

http://youtu.be/U8uAHrysu3k = AFRICAN  WILDLIFE Multivision

– Something about me :

“BIENNALE dell’ARTE di GENOVA – 2019”

Articoli sulla “BIENNALE di GENOVA – 2019” che parlano del Primo Premio che ho ricevuto nella SEZIONE FOTOGRAFIA….continuo nel mio “Percorso Artistico”

Articles on the “BIENNALE di GENOVA – 2019” that talk about the First Prize I received in the PHOTOGRAPHY SECTION …. I continue in my “Artistic Path”

  • la mia opera premiata – my work awarded :

  • gli articoli – the articles :


….un bellissimo articolo, di 3 pagine, di M.me Umberta Genta sul Magazine “AD-Architectural Digest”, dedicato alla mia MOSTRA ANTOLOGICA “E_MOTIONS”, presso la Galleria d’Arte “F.A.R – Fabbrica Arte Rimini” :

… .A beautiful 3-page article by M.me Umberta Genta on the “AD-Architectural Digest” Magazine, dedicated to my ANTOLOGICAL EXHIBITION “E_MOTIONS”, at the ‘F.A.R – Fabbrica Arte Rimini’ Art Gallery :

…questo che leggete, è un altro articolo scritto dal mio Grande Amico Giovanni Terzi, giornalista, scrittore e collaboratore RAI-1 Mattina, che è stato pubblicato sul “IL GIORNALE”, tratta della mia nuova Mostra Antologica che è stata inaugurata alla Galleria Comunale “F.A.R. – Fabbrica Arte Rimini” il 29 Settembre 2018;  terminerà il 25 Novembre 2018….vi aspetto tutti…cari Amici…. :

CORRIERE-DELLA-SERA_2_RCS-LOGO_webAD_RECENSIONE_2_1_WEB

“PRESTIGE” Magazine – Director : Mr. Fabrizio Pasquero

– RIVA Speedboat & JAGUAR Cars – Sponsor

IMG_2721_testo_web

“PRESTIGE” – RIVA Speedboat & JAGUAR Cars – House Organ – My Interview

IMG_2715_3_web      IMG_2716_web      IMG_2718_web


“THE PROFESSIONAL PHOTOGRAPHER” – “IL FOTOGRAFO PROFESSIONISTA” : KODAK House Organ – My interview

DSC_8539_1_1_web

 DSC_8533_2_web      DSC_8537_2_web     DSC_8535_2_web


“MERIDIANA” – Airlines House Organimg_7215_2_2_web

img_7216_2_2_web

     

Non sono presenti commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.